Logo PaperseraPapersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
20 anni
Le nostre recensioni
4.5 | |
4 | |
5 | |
3 | |
3 | |
4 | |
4 | |
5 | |
3 | |
3.5 | |
3 | |
2.5 | |

Topolino e la torta aurifera

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Ruhan
Evroniano
PolliceSu   (1)

  • **
  • Post: 109
  • Eremita dell'Airone
    • Offline
    • Mostra profilo
PolliceSu   (1)
    Topolino e la torta aurifera
    Venerdì 29 Dic 2023, 03:52:32
    Topolino e la torta aurifera

    Soggetto: Abramo Barosso
    Testo: Giampaolo Barosso
    Disegni: Luciano Bottaro

    Prima pubblicazione su "Almanacco Topolino" n° 96 dell'1 Dicembre 1964.

    https://inducks.org/story.php?c=I+AT+++96-B


    Il professor Kymysky, vicino di Minni e rumoroso autore di esplosivi esperimenti, riesce finalmente a trovare la formula cercata per secoli dagli alchimisti e a trasformare la materia grezza in oro. Ma — immediatamente — viene aggredito dal suo maggiordomo che si rivelerà essere un camuffato Mike "Bomba", complice di Gambadilegno. L'aggressore, dopo aver rubato l'aurifera formula, scappa. Saranno Topolino e Minni a trovare il professore svenuto e a chiamare la polizia.

    Inizia, così, un'avventura che non ha la pretesa di essere un giallo in piena regola (pur avendo qualche elemento di mistero), ma un intreccio rocambolesco di gag ed errori dal risvolto comico.


    Il personaggio che qui brilla di più è Pippo. Abramo e Giampaolo Barosso lo rendono protagonista di una serie di ammiccamenti comici verso il lettore e di una sequenza di scene estremamente divertenti e basate sul fraintendimento. È un Pippo surreale, ma non tanto a parole, quando negli atti e nei comportamenti.
    Pippo che pensa di giocare a indiani e cowboy e che sbuca da dietro il divano per avventarsi su Gambadilegno, armato di ascia e urlando come un pellerossa (tutta questa modalità di aggressione, senza nessun motivo logico) mi ha fatto più ridere del dovuto:

    Spoiler: mostra


    Segue — per brillantezza e vivacità di scrittura — Basettoni, accompagnato da Manetta. Attraverso questa coppia, i Barosso regalano una sequenza di scene da cartone animato, con esplosioni e vestiti rotti. Ma non solo. Anche inanellamenti di scambi di battute che li fanno apparire come un duo comico alla Totò e De Filippo:

    Spoiler: mostra


    Anche il rapporto tra Minni e Topolino è molto piacevole. È vecchio stampo. Ricorda le vecchie strisce americane o i cortometraggi. Non è un rapporto, insomma, totalmente idilliaco, ma fatto di contrasti e di telefoni chiusi sul muso.

    È una Minni "rompiballe" quella che possiamo leggere qui, ma non in modo fastidioso, bensì in chiave comica, specie nelle scene in chiamata telefonica. In queste ultime, Giampaolo Barosso è stato in grado (con poche frasi) di creare gag abbastanza divertenti e basate sulle veloci sfuriate di Minni che si concludono con un "CIAO!" gridato e una cornetta riattaccata.

    Anche fuori dal contesto telefonico, lo scambio di dialoghi nella coppia appare brillante. Più che altro grazie alla controparte femminile. Risulta, infatti, divertente il fatto che Minni canzoni — di tanto in tanto — Topolino:

    Spoiler: mostra


    Questa dinamica "litigarella" — che regala spessore alla relazione tra i due, evitando dialoghi piatti e da libro per bambini — come è abbastanza noto, cadrà quasi in disuso nei decenni successivi, portando ad una Minni fin troppo accondiscendente e docile. Non sempre. Ma troppo spesso.

    E ora, veniamo agli altri personaggi.
    Nella storia, compare anche Clarabella che qui non brilla particolarmente, rivelandosi — più che altro — un elemento ad uso e consumo dello svolgimento di trama; specie in una occasione, nel finale.

    Al contrario, risulta ben scritto e divertente il personaggio di Gambadilegno, tra battute, gag e improbabili minacce. Buona anche la scrittura dei suoi complici, anche se non incredibile.
    Mike Bomba è lo sgherro che risulta meglio caratterizzato, riservando per sé alcuni momenti e scambi di battute molto comici. Come durante l'interrogatorio: il suo fare il finto tonto riesce ad inanellarsi perfettamente col tono surreale della situazione portata avanti da Manetta (che gli punta una lampada da scrivania in faccia, in pieno citazionismo-parodia dei classici clichè hard boiled).

    Infatti, in questa storia, i gialli e polizieschi vengono celebrati tramite la parodia e la presa in giro dei loro topos narrativi. A partire dal classico colpevole: il maggiordomo (in una scena, viene costruita una gag — tra Pippo, Topolino, Basettoni e Manetta — proprio a riguardo), a concludere con la citazione di una classica scena di inseguimento poliziesco che, però, finisce in ridicolo (e mutande!) per la sfortunata squadra di agenti. I Barosso non hanno voluto costruire un giallo in salsa Topolino, ma la decostruzione comica di un giallo in salsa Topolino.

    L'ottima storia è sostenuta ed arricchita dagli splendidi disegni di Luciano Bottaro (due pagine in bianco e nero; due colorate a china: in alternanza). Una particolare nota di merito va alla resa grafica di Pippo e Gambadilegno che ricordano il miglior Gottfredson. L'espressività dei due è resa, non solo attraverso pupille e faccia, ma anche tramite l'uso delle orecchie e la loro sagomazione e direziine, diverse a seconda dell'emozione da esprimere.

    Una piccola pecca:

    Forse, la scrittura di Topolino. Si alternano buoni momenti ad altri nei quali risulta un po' anonimo, stereotipato, come se avesse "il pilota automatico" inserito. A differenza di Pippo, che qui splende di luce propria, tanto che — durante la lettura — non si aspetta altro che entri in scena. È, infatti, Pippo a reggere intere sequenze di vignette in solitaria, senza stancare il lettore e senza richiedere l'intervento di una spalla quale eventuale rafforzante comico.

    Conclusione:

    Insomma, un piccolo capolavoro di quegli anni. Assolutamente da recuperare. Vi è possibile farlo su "Almanacco Topolino" di questo Dicembre, in formato grande, così da poter ammirare le tavole di Bottaro in tutto il loro splendore! Quindi, avanti, correte numerosi ad acquistarlo prima che finisca o che Pippo lo scambi per un ombrello!

    Bonus:

    Citati (e topolinizzati) Bobby Solo e Gigliola Cinquetti, il cui ascolto viene minacciato come metodo di tortura da interrogatorio :D
    « Ultima modifica: Venerdì 29 Dic 2023, 06:42:01 da Ruhan »

    *

    rebusX
    Brutopiano
    PolliceSu   (2)

    • *
    • Post: 29
    • Esordiente
      • Offline
      • Mostra profilo
    PolliceSu   (2)
      Re:Topolino e la torta aurifera
      Risposta #1: Venerdì 29 Dic 2023, 17:20:35
      Anche inanellamenti di scambi di battute che li fanno apparire come un duo comico alla Totò e De Filippo:

      Spoiler: mostra


      Si tratta di una (penso voluta) parodia del test dell’anatra
      Comunque anch’io ho scoperto questa storia sull’ultimo Almanacco e l’ho trovata davvero gustosa e divertente! Ottima recensione, bravo

      *

      Ruhan
      Evroniano
      PolliceSu

      • **
      • Post: 109
      • Eremita dell'Airone
        • Offline
        • Mostra profilo
      PolliceSu
        Re:Topolino e la torta aurifera
        Risposta #2: Venerdì 29 Dic 2023, 20:44:04
        Anche inanellamenti di scambi di battute che li fanno apparire come un duo comico alla Totò e De Filippo:

        Spoiler: mostra


        Si tratta di una (penso voluta) parodia del test dell’anatra
        Comunque anch’io ho scoperto questa storia sull’ultimo Almanacco e l’ho trovata davvero gustosa e divertente! Ottima recensione, bravo
        Conoscevo l'aneddoto, ma non avevo fatto il collegamento.

        Ti ringrazio! :)

        Anche io l'ho scoperta attraverso l'Almanacco. L'ho amata, anche per la capacità di raggruppare (in poche pagine) molte situazioni diverse.
        « Ultima modifica: Venerdì 29 Dic 2023, 20:46:26 da Ruhan »

         

        Dati personali, cookies e GDPR

        Questo sito per poter funzionare correttamente utilizza dati classificati come "personali" insieme ai cosiddetti cookie tecnici.
        In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni.
        Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai trovare il dettaglio di quanto riassunto in queste righe.

        Per continuare con la navigazione sul sito è necessario accettare cliccando qui, altrimenti... amici come prima! :-)