Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
In edicola
5 | |
5 | |
4 | |
3 | |
3 | |
5 | |
5 | |
4 | |
5 | |
5 | |
4 | |
3 | |
Uack! 40 - Vita da paperi 6 - Recensione di scrooge4

Dopo quattro anni e mezzo, quaranta uscite e tre diverse incarnazioni, cala il sipario su una delle testate Disney dell'era Panini maggiormente apprezzate dagli appassionati più esigenti. E lo fa in grande stile, con la riproposta di una delle storie più evocative e affascinanti di Carl Barks: Paperino, Zio Paperone e il ventino fatale. La storia non ha certo bisogno di presentazioni, essendo certamente tra le primissime che qualunque fan dell'Uomo dei Paperi citerebbe tra le preferite. Pur avendo avuto negli anni tante ristampe (anche con il titolo Zio Paperone e il trenino della felicità) la storia mancava in edicola da ben dieci anni. Resta nella memoria principalmente per il fatto che affronta un tema assolutamente raro all'interno del fumetto disneyano, pur essendo profondamente presente in qualunque realtà urbana degli Stati Uniti degli anni '50 del '900 così come in quella italiana dei giorni nostri: la povertà più nera, l'esclusione sociale, il degrado delle periferie e dei quartieri popolari, la forbice tra ricchezza più sfrenata e indigenza estrema. Come tradizione, la storia viene accompagnata da tutti i contenuti presenti nell'originale albo americano che l'ha ospitata all'esordio (Four Color 367 del gennaio 1952): tre tavole auto-conclusive disegnate da Carl Barks a tema natalizio, pubblicate nella versione italiana del 1991, senza riproporre il bianco e nero di quelle originariamente poste in seconda e terza di copertina, come avveniva nei primi tempi di questa testata.
L'altra metà dell'albo ospita due storie tratte da altrettanti albi giant natalizi del 1956 e del 1958: Archimede e il regalo della nonna e Paperino e la sfida natalizia. Quest'ultima, in particolare, si contraddistingue per una divisione delle tavole in tre strisce, poco consueta per l'opera di Barks, e per la presenza di un nuovo antagonista per Paperone, Girolamo Girello, in un ruolo tradizionalmente interpretato da Rockerduck (si veda anche la penitenza del mangiare indumenti) nelle storie italiane.
Per Walt Disney's Comics and Stories è il turno del numero 64 (gennaio 1946) con Paperino e i buoni propositi anticipata dal rimontaggio della sunday page di Karp e Taliaferro del 22 dicembre 1940, già vista in Italia sul volume Mondadori Paperino 365 sketches 1936-1945 storie per un anno e in poche pubblicazioni amatoriali.
La riproposizione delle storie di Barks tratte dal periodico USA più importante si conclude così in una fase certamente embrionale, mancando ben vent'anni di ten pages che hanno continuato a costruire e definire l'identità della famiglia dei paperi per come oggi la conosciamo. Resta l'amaro in bocca per la chiusura di una testata che, tra le tante difficoltà testimoniate dal ridimensionamento della foliazione, dall'aumento di prezzo e dalla riduzione dell'apparato redazionale, ha proposto nel suo primo ciclo l'intera cronologia delle storie di Barks pubblicate su Uncle $crooge in una veste il più possibile fedele all'originale, ha tentato di fare lo stesso per buona parte degli storici albi Four Color ripubblicando tanti altri capolavori, ha indagato sui pochissimi inediti ancora rintracciabili all'interno dell'opera dell'Uomo dei Paperi, ha offerto in un caso (Zio Paperone e l'elefante picchiettato sul numero 19) una traduzione fedele in luogo della versione stravolta proposta negli anni precedenti.
Ringraziando ancora una volta Luca Boschi ed Alberto Becattini per la passione con la quale ci hanno accompagnato in questi quattro anni, ci auguriamo che nel prossimo futuro possa esserci ancora spazio per pubblicazioni Disney di questo livello.

Leggi la recensione

Voto del recensore:
Voto medio: (15)
Esegui il login per votare

Tesori International 15 -i grandi autori italiani nel mondo 4-G.Cavazzano

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

rikki-tikki-tavi
Pifferosauro Uranifago
   (3)

  • ***
  • Post: 436
  • Esordiente
    • Offline
    • Mostra profilo
   (3)

     Preso questa mattina, vi lascio il sommario:

     CAVAZZANO EXPORT  di Luca Boschi
     PRIMA PARTE:OLTRE L'OCEANO

           Zio Paperone e i capricci della numero 1

     SECONDA PARTE: AL DI LA' DELLE ALPI  di Luca Boschi

            Paperone contro Paperone
            Super Pippo salvatore dell'Apollo
            Zio Paperone e l'archifluido
            Topolino e l'isola Gnamgnam
             Basil l'investigatopo e il caso del Khorr-i-door
             Basil l'investigatopo e la maledizione dei cheeseburger
             Topolino in "il ritorno di Babbo Natale"

     TERZA PARTE:NEL NORD DELL'EUROPA  di Luca Boschi

              Paperino e l'infermiera di ferro
              Paperino e qualche Babbo Natale di troppo

    PORTFOLIO: UN BACKSTAGE MAI VISTO!  di Luca Boschi


    In terza di copertina in un piccolo riquadro ci fanno gentilmente sapere che:

    "Caro lettore,la collana dedicata ai Grandi Maestri International e italiani del fumetto Disney, come preventivato, conclude con questa uscita il suo ciclo. in questi 15 numeri abbiamo proposto solo alcuni tra i più amati e apprezzati autori che hanno, negli anni, contribuito a rendere grande il fumetto targato Disney, stiamo pertanto studiando nuovi formati per offrirvi altre proposte che valorizzino meglio il nostro grande patrimonio storico. Speriamo che continuiate a seguirci con la fedeltà e la passione che avete dimostrato finora".




    *

    Pep
    Brutopiano
       (2)

    • *
    • Post: 36
    • ebete genialoide
      • Offline
      • Mostra profilo
       (2)
      In terza di copertina in un piccolo riquadro ci fanno gentilmente sapere che:

      "Caro lettore,la collana dedicata ai Grandi Maestri International e italiani del fumetto Disney, come preventivato, conclude con questa uscita il suo ciclo. in questi 15 numeri abbiamo proposto solo alcuni tra i più amati e apprezzati autori che hanno, negli anni, contribuito a rendere grande il fumetto targato Disney, stiamo pertanto studiando nuovi formati per offrirvi altre proposte che valorizzino meglio il nostro grande patrimonio storico. Speriamo che continuiate a seguirci con la fedeltà e la passione che avete dimostrato finora".

      io davvero non capisco quale sia la direzione. E temo non lo sappiano nemmeno loro.
      Per inciso, pur non esente da difetti, e pur avendo ormai una testata praticamente gemella, Tesori la reputavo un'ottima iniziativa, qualitativamente ed economicamente.

        La chiusura della testata ha annebbiato questo topic
        Io vorrei solo sapere se il numero merita ed è ben curato o se si tratta di fuffa

        *

        Topdetops
        Diabolico Vendicatore

        • ****
        • Post: 1943
        • Appassionato del buon fumetto
          • Offline
          • Mostra profilo

          La chiusura della testata ha annebbiato questo topic
          Io vorrei solo sapere se il numero merita ed è ben curato o se si tratta di fuffa
          Boh io personalmente te lo sconsiglio...
          Nonostante seguissi la testata non l'ho comprato.
          Il fatto è che l'idea e' bella, ma di Cavazzano, seppur autore bravissimo, abbiamo già avuto 6 volumi per la collana Tesori Made in Italy.
          Piuttosto ci avrei messo tutte le inedite escluse elencate da Cornelius Coot nel topic  del sesto e ultimo volume della collana, ma cosi' sa un po' di amaro in bocca.
          Appassionato di fumetti e buongustaio.
          Bresaola di daino+storia di Scarpa= Abbinamento perfetto!

            La chiusura della testata ha annebbiato questo topic
            Io vorrei solo sapere se il numero merita ed è ben curato o se si tratta di fuffa
            Boh io personalmente te lo sconsiglio...
            Nonostante seguissi la testata non l'ho comprato.
            Il fatto è che l'idea e' bella, ma di Cavazzano, seppur autore bravissimo, abbiamo già avuto 6 volumi per la collana Tesori Made in Italy.
            Piuttosto ci avrei messo tutte le inedite escluse elencate da Cornelius Coot nel topic  del sesto e ultimo volume della collana, ma cosi' sa un po' di amaro in bocca.

            la mancata discussione, tipica per una rivista dedicata a Cavazzano mi fa pensare a 2 cose che pero' si mangiano la coda tra loro

            1- lo scarso interesse verso la rivista stessa :se il volume fosse stato preso da piu' persone, sarebbe stato commentato e criticato molto di più
            2- il disappunto sulla chiusura della testata: che ha tolto presumibilmente commenti di qua, e portato di la' la discussione solo sul perchè e per come della chiusura della testata.

            Bhe' penso che qui ci sia la soluzione....

            la testata ha chiusa per lo scarso interesse del lettore..(leggi vende poco) e qua ne è palesemente la prova.
            Cavoli un volume su Cavazzano in cui nessuno commenta ?
            tra l'altro discutibile nella scelta delle storie (come ha sottolineato top de tops) e quindi più facilmente commentabile: spesso siamo più bravi a criticare che a commentare con entusiasmo.

            Detto questo: l'ho cmq. preso (perchè Cavazzano è Cavazzano) e mentre dal punto di vista tecnico, cioè come è strutturato il volume in più parti e i vari redazionali + il portfolio, sia un ottimo prodotto, non posso dire altrettanto sulla scelta delle storie (imho ovviamente).

            Con il maestro Cavazzano di mezzo si poteva pescare di meglio, anche inserendo le inedite citate da Cornelius.
            non sono invece d'accordo con top de tops quando dice che dopo 6 numeri monografici sui tesori italia si poteva evitare : anzi questa poteva essere un ottima appendice ai tesori italia, che giustificava l'assenza li' di acune storie. ma cosi' non è stato.
            Peccato.

            *

            Max
            Cugino di Alf
               (1)

            • ****
            • Post: 1049
            • Appassionato Disney
              • Offline
              • Mostra profilo
               (1)
              Fillo, ma ti pare che per l'ultimo numero prima di chiudere avrebbero preparato (tradotto, se non anche ricolorato) delle inedite? Hanno semplicemente pescato le storie già pronte pubblicate in precedenza perlopiù sui Maestri Disney, e ridotto i redazionali al minimo indispensabile.

                Che tristezza!
                Tesori Disney International, per un collezionista di vecchia data come me, avrebbe potuto essere una pubblicazione dalle potenzialità immense ed è invece stata sprecata in questo modo alternando pochi numeri di qualità (ad esempio i 2 numeri con le storie di Marco Rota) con tanti numeri di scarsa qualità (come gli ultimi che hanno ripubblicato alcune storie di Barks già pubblicate almeno altre 10 volte in Italia, le storie di Romano Scarpa appena pubblicate nel 2014 nell'Opera Omnia di Romano Scarpa, le storie di Cavazzano riciclate dai Maestri Disney o da Paperino).
                Quante serie internazionali avrebbero potuto vedere la luce su questa testata e che sono sconosciute o quasi al pubblico italiano: ad esempio la bellissima serie di 8 storie di Jan Gulbransson pubblicate in Germania dal titolo "Die Ducks in Deutschland", dove i paperi affontano un'esntusiasmante caccia al tesoro in giro per le città della Germania; oppure la serie "Die Ducks in Europa", dove i paperi viaggiano per l'Europa sulle tracce dell'originale del Manuale delle Giovani Marmotte; oppure la serie francese "Gli anni muggenti di Clarabella" tradotta parzialmente in italiano su Minni & Company; la serie francese della macchina del tempo; ecc.
                E' un vero peccato che si sia sprecata questa occasione per far conoscere ai lettori italiani i veri capolavori della produzione Disney europea.

                *

                Cataclysm
                Giovane Marmotta
                   (1)

                • **
                • Post: 155
                • Esordiente
                  • Offline
                  • Mostra profilo
                   (1)
                  La chiusura della testata era fisiologica, nonostante alternasse alti e bassi prima aveva un intento, uno scopo, una direzione, dopo il numero 11 era diventata una succursale di Tesori Made in Italy e credo non si potesse continuare a proporre due testate dal sapore troppo simile.

                  Mi auguro a questo punto che imparando dai propri errori uniscano l'esperimento degli autori italiani nel mondo continuando ad arricchire la Made in Italy, mantenendo la bimestralità ma magari aumentando leggermente la foliazione (240 pagine sarebbe il top) e ovviamente anche il prezzo.

                  *

                  Pato_Donald
                  Pifferosauro Uranifago
                     (3)

                  • ***
                  • Post: 380
                  • Novellino
                    • Offline
                    • Mostra profilo
                     (3)
                    Mi auguro a questo punto che imparando dai propri errori uniscano l'esperimento degli autori italiani nel mondo continuando ad arricchire la Made in Italy,
                    Personalmente mi sono un po' scocciato di continuare a comprare testate che partono bene e che poi di punto in bianco vengono stoppato... inoltre tali testate hanno sempre lo stesso medesimo materiale trito e ritrito. A questo punto prenderò solo più opere omnie così da essere sicuro di avere tutto di x artista

                      Dopo che la testata ha cambiato “modus operandi” era ben chiaro che tempo pochi mesi sarebbe tutto finito. Speravo in un finale migliore per una collana come questa che ha fatto uscire albi davvero interessanti.
                      Nonostante questo numero è dedicato a Cavazzano l’ho trovato noioso, inutile e triste (permettetemi questa parola)...
                      Vedere due storie dedicate al Natale in un albo di agosto mi fa pensare che nemmeno chi ha organizzato il tutto abbia perso molto tempo a scegliere le storie 😕

                      *

                      TubaMascherata21
                      Papero del Mistero
                         (1)

                      • **
                      • Post: 204
                      • Paperoniano convinto
                        • Offline
                        • Mostra profilo
                         (1)
                        Condivido in pieno quanto espresso da Pato_Donald. Il volume l'ho preso comunque, anche se non è ancora fisicamente “tra le mie mani". Dopo averlo letto vedrò se ricredermi. In ogni caso l'indice è quello: storie pluri-ristampate (cosa aspettarsi di diverso per un ultimo numero?) L'ho acquistato anch'io secondo la ratio già espressa da Fillo: Cavazzano è sempre Cavazzano. Tuttavia ormai credo che smetterò di seguire anche quelle poche serie che acquistavo (eccezion fatta per la DRL, ovviamente) e mi orienterò a cercare di completare le vecchie testate, curate assai meglio della maggior parte delle pubblicazioni che oggi il panorama Disney-Panini offre. Peccato.
                        La mia collezione INDUCKS

                         

                        Dati personali, cookies e GDPR

                        Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

                        Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

                        Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.