Logo PaperseraPapersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
20 anni
Le nostre recensioni
4.5 | |
4 | |
5 | |
3 | |
3 | |
4 | |
4 | |
5 | |
3 | |
3.5 | |
3 | |
2.5 | |

Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - V

Pagine: [1]  2  3  ...  273 
1
Annunciato per il 30 ottobre 2024 "I cugini Meyer", la nuova avventura di Max Fridman: https://www.starshop.it/fumetti/i-cugini-meyer.html

164 pagine, spero pubblichino anche le due pagine de La Lettura del corriere della sera (https://www.sagauitgaven.be/giardino/link-corriere.html) e non sarebbe male anche inserire "Il caso Rashid" di Sam Pezzo, colpevolmente non pubblicato in "Tratti in salvo".

2

Quoto.
In altre parole: un lavoro fatto con noncuranza senza la volontà di indagare un minimo su ciò che si sta trattando.
Un compitino sicuramente affidato a terzi, probabilmente stagisti demotivati.
La fregola di "esternalizzare" ciò che non viene giudicato "core business" probabilmente ha i suoi proseliti anche in Panini.
E il risultato si vede.

Non voglio entrare nel caso specifico, non avendo l'albo, ma Gaspa non puo essere certo considerato uno stagista demotivato. Riguardo all'esternalizzazione, Boschi era un esterno, tanto quanto tutti gli autori che lavorano per Topolino da sempre. Nessuno era assunto direttamente da Disney Italia o da Mondadori (tranne Rota, Perego e qualche grafico di redazione che disegnava anche storie complete, se non mi sbaglio).


3
Topolino / Topolino 3569
« il: Venerdì 31 Mag 2024, 11:26:31 »
Recensione Topolino 3569


 Topolino 3569 poggia prevalentemente sulla prima lunga storia, ovvero Le parole giuste, secondo episodio della serie di avventure de Il Corsaro, ovvero il giovane Malcolm de’ Paperoni, antenato creato da Carl Barks nel 1956.

 Vito Stabile dà vita ad una trama interessante, in cui la ciurma di corsari si trova in acque perigliose, avendo a che fare con il temibile Billy Blackwing, terrore delle navi di Sua Maestà. La parte squisitamente avventurosa si mischia con quella maggiormente intimistica, in uno stile ormai tipico del giovane sceneggiatore. Malcolm appare per quello che è: un giovane scalpitante che vuole farsi strada nel mondo. A farne apprezzare il ruolo sono anche i personaggi di contorno, a partire da Elaine e dalla sua melanconica ricerca.

 Il twist narrativo della storia, nonostante una certa flessibilità da un punto di vista storico, appare convincente, così come convincente è l’utilizzo del cattivo. Quella che risulta probabilmente più indigesta è la gestione stessa del ruolo dei corsari. La ciurma di Malcolm deve inevitabilmente essere all’acqua di rose, disarmata e fornita solo di buoni propositi e “della forza della nostra unione”, come ci ricorda il capitano Greenbottle. La necessità di barcamenarsi tra questi due aspetti – armi e buoni propositi – risulta in alcuni casi parecchio straniante.

 
Teatrali entrate in scena

 Mario Ferracina ai disegni realizza un lavoro maestoso, sbizzarrendosi in splash-pages e vignette dal taglio cinematografico. Particolarmente riuscita la scena finale del duello, che mi ha ricordato la celebre scena finale dell’Amleto di Gianni De Luca. I colori di Emanuele Virzì, dai toni acquarellati, rendono bene sia le atmosfere marinare, sia quelle maggiormente intimistiche, dedicate alle difficoltà di comunicazione famigliare.

 Proprio quest’ultimo punto risulta particolarmente riuscito. Stabile riesce a parlare di un tema non banale – il rapporto con i propri genitori – anche in una situazione temporalmente molto lontana da noi. Ma, dato che si tratta di tematiche sempre attuali, risulta ancor più importante parlarne, specie in una pubblicazione rivolta, in primis, ad un pubblico giovane. Inoltre, ma questa è una suggestione personale, non ho potuto non pensare ad un’altra futura lettera

 
Reminiscenze potteriane

 Il numero prosegue con la terza e penultima puntata de Il mondo di ghiaccio – Amelia oceanica contro le streghe vulcaniche. Enna prosegue nella costruzione del mondo magico di Amelia, con chiare ispirazioni da Harry Potter. Il dipanarsi del mistero, nonché il carattere dei personaggi, risultano assolutamente credibili e aiutano il lettore ad immergersi nella vicenda e ad essere coinvolto nella lettura. Facciotto prosegue l’eccellente trend grafico della storia, avendo in gran cura sia le inquadrature che, soprattutto, gli sfondi e i costumi, ricchi di dettagli e di credibile realismo.

 La breve Paperoga e il rammarico persecutorio (Panaro/Mazzarello), funziona bene per quello che deve fare. La sua sottile vena inquieta riscatta quella che poteva essere una storiella banale. E ci fa anche riflettere sulle aspettative che riponiamo sugli altri e su come gestire i giudizi altrui. Torna inoltre un’autoconclusiva dedicata a Battista, del ciclo ad opera di Roberto Gagnor e Simone Tempia, per i disegni di Carlo Limido e i colori di Diana Laudando.

 
Incontri inquieti

 Chiudono il numero, infine, le dieci tavole di prologo a Topolino e la Spectralia Antartica. Casty ritorna da autore completo (con le chine di Michela Frare e i colori di Manuel Giarolli, supervisionati dallo stesso Casty) con una storia in più episodi, a quasi cinque anni di distanza da Topolino e il castello sulla luna. In particolare, l’autore goriziano prosegue la sua personale serie su Atlantide (che potete trovare negli ottimi volumi 2 e 3 della Thriller Collection).

 Il prologo funge da riassunto, ricco di vignette a tutta pagina, delle tre storie precedenti, permettendo al lettore di riconnettersi con la complicata ricerca del continente perduto. Oltre a questo, vediamo i nostri tre protagonisti – Topolino, Pippo ed Eurasia Tost – in una situazione di estremo pericolo, e dunque nella situazione ideale per il lettore di scoprire che cosa succederà.

 Sul versante delle rubriche il numero è completato da un’intervista allo stesso Casty, dalla lezione di Stefano Intini su come disegnare Archimedee da un focus sulle uscite editoriali da presentare al Comicon di Napoli.



Voto del recensore: 3/5
Per accedere alla pagina originale della recensione e mettere il tuo voto:
https://www.papersera.net/wp/2024/05/31/topolino-3569/


Ora è possibile votare anche le singole storie del fascicolo, non fate mancare il vostro contributo!


4
Non Solo Disney / Re:Editoriale Cosmo
« il: Martedì 28 Mag 2024, 12:38:53 »
Ho finito di leggere Smalto e Johnny, una frizzante serie a fumetti sceneggiata da Giorgio Pezzin e disegnata da Giorgio Cavazzano pubblicata ne "Il Mago" tra il 1976 e il 1977.
Trovate il volume (27x19cm, 96 pagine, carta leggera, 8,90€)  qui: https://www.editorialecosmo.it/product/product-53699/

Inserisco anche il link a comics box: https://www.comicsbox.it/albo/COSMOCLASS_017

Si tratta di sette storie scatenate, in cui Pezzin propone una coppia di sgangherati truffatori e assasini che cercano di sbarcare il lunario con esiti catastrofici. Le trame viaggiano attraverso il mondo - le dittature latinoamericane, i contrabbandieri francesi, la criminalita italiana, le tribu beduine - in un'escalation di comica violenza e di commedia slapstick. A gestire il tutto e un Cavazzano meraviglioso, che fa sua la lezione di Uderzo per declinarla con risultati volumente grotteschi e incredibilimente comici. Ogni tavola presenta una micidiale serie di situazioni sopra le righe degne di un cartone animato.

Il volume viene completato da due rare storie di Cavazzano uscite in circuiti editoriali oltre la nicchia. Una, "Home in the range" (1978), sceneggiata da Alfredo Castelli, è una corrosiva satira dei malcostumi della profonda America bigotta, mentre l'altra, "Carcere modello" con testi di Rudy Salvagnini e disegnata nel 1984, è una critica alla rischiosa deriva di uno stato in balia tra consumismo e autoritarismo.

Spiace che, di quest'ultima, non siano stati recuperati i dialoghi originali, che erano stati modificati durante la lunga gestazione della storia che non trovava una pubblicazione. Marcello Toninelli ne parla qui: https://ioedante.blogspot.com/2024/04/il-fumo-delle-colpe.html?_sm_au_=iVV5n8LkD4rFMTkNkG7NjKsqsN873

Salvagnini ha pubblicato i dialoghi originali qui: https://rudysalvagnini.blogspot.com/2024/05/carcere-modello-i-dialoghi-originali.html?_sm_au_=iVV5n8LkD4rFMTkNkG7NjKsqsN873.
E parla della storia qua: https://rudysalvagnini.blogspot.com/2024/04/carcere-modello-breve-storia-di-una.html?_sm_au_=iVV5n8LkD4rFMTkNkG7NjKsqsN873

Alberto Brambilla realizza un ottimo apparato redazionale, raccondato la vicissitudine editoriale delle storie e proponendo materiale iconografico interessante (tra cui le umoristiche biografie dell'epoca degli autori con relative caricature) e la tavola promozionale pubblicata su WOW. Peccato non aver restaurato i testi originali...

Cosmo ha iniziato anche a ristampare Altai e Jonson, sempre di Cavazzano su testi di Sclavi, e lasciano un po' di spazio ad alcune storie libere di Cavazzano di non facile reperibilità.

5
Le altre discussioni / Re:I.N.D.U.C.K.S.
« il: Lunedì 27 Mag 2024, 15:41:00 »
Esatto, è un nuovo (2022) sussidiario di italiano della Lisciani per la scuola primaria. Compare una tavola nei primi capitoli in cui ci si dedica alla conoscenza delle lettere.

Iniziativa carina, ma non so quanto possa aver senso inserirla su inducks... ma se qualcuno si vuole applicare, e il benvenuto :)
Peccato che nel libro non si siano neanche affaticati a inserire titolo della storia, sceneggiatore e disegnatore...

6
Le altre discussioni / Re:I.N.D.U.C.K.S.
« il: Lunedì 27 Mag 2024, 09:54:25 »
Inducks indicizza anche per caso quelle pubblicazioni non inerenti al mondo Disney o del fumetto in generale, ma in cui vengono riproposte tavole e vignette con scopo didattico o analitico? Perché ne avrei almeno un paio d'esempi.

Di base no, a memoria sono indicizzate testate non disney di fumetti in cui pero appare qualcosa di disney. In ogni caso, ci vuole tempo per indicizzare questo materiale minore.
Hai qualche foto a portata di mano? Si tratta di libri scolastici con tavole disney per spiegare qualche concetto?

Grazie mille :)

7
Sfide e richieste di aiuto / Re:EcologicaMente albo 1998
« il: Mercoledì 22 Mag 2024, 11:17:50 »
Come da titolo, ho ritrovato oggi in uno scaffale un albetto spillato di 52 pagine edito da Disney Libri nel 1998 con il patrocinio del Ministro dell'Ambiente. Si intitola EcologicaMente e contiene cinque storie delle Giovani Marmotte, alla fine di ciascuna delle quali è presente un glossario con le parole chiave dell'ecologia ed eventualmente una rubrica. Le storie non sono completamente a fumetti, ma alle vignette si alternano sequenze in prosa. I disegni mi sembrano tutti in stile Accademia Disney. Non ci sono cediti, se non per i testi delle rubriche.
Possibile che sia stato distribuito nelle scuole? C'è su Inducks?

Confermo che non si trova su inducks (ma ci stiamo lavorando) e che sia stato distribuito nelle scuole :)

8
So che non fa parte di Dal Negro, ma si tratta di un interessante lavoro di Cavazzano per progetti extra fumetto.

Alcune immagini sono presenti nel libro edito dallo Scarabeo "The art of Cavazzano" e nei Tesori Made in Italy.
Se qualcuno volesse comprarlo, sarebbe molto comodo avere del materiale fotografico per metterlo su inducks.

https://www.ilmortodafeltre.it/shop/varia/illustrati/il-piu-grande-libro-dellalfabeto/

Da quello che si vede dal sito, Cavazzano ha realizzato solo la copertina, mentre le immagini interne sono di altri autori.

Grazie mille,
V

9
Testate Regolari / Humour Collection 6 – Topolinia… e Dintorni
« il: Lunedì 20 Mag 2024, 11:57:47 »
Recensione Humour Collection 6 – Topolinia… e Dintorni


Immagine promozionale in cui viene specificato come si tratti dell’ultimo numero dedicato a Ziche.

 Dopo cinque numeri eccellenti, arriviamo al sesto e ultimo numero della Humour Collection dedicata a Silvia Ziche. A parte la grave mancanza di Topokolossal, la collana propone tutta l’opera, ad oggi, di Ziche da autrice completa su storie lunghe (fanno eccezione un pugno di storie che, comunque, non risultano particolarmente centrali e tutte realizzate su commissione, e di cui non sentiamo la mancanza).

 Questo volume si concentra sui personaggi di Topolinia, con quattro storie realizzate tra il 2010 e il 2014, un periodo in cui l’autrice si concentrò prevalentemente sui topi, a parte la Bontà Natalizia®. Come negli altri volumi, abbiamo un’ottima introduzione e una interessante intervista, il tutto realizzato con cura da Davide Del Gusto.

 
Burocrazia e fantasy, un ardito ma efficace accostamento.

 Topolino e la crociera nera è una surreale vicenda in cui lo humour nero si mischia alle opere di genere carcerario. Topolino e Pippo si trovano in una perigliosa situazione, bloccati su una nave prigione ricolma di criminali. Ziche lega insieme svariate gag, in cui Pippo si rivela quello più a proprio agio, al contrario del malcapitato Topolino, decisamente sotto pressione. Trova anche spazio Minni, su cui l’autrice comincia un percorso di maggior indipendeza, riuscendo a gestire un personaggio generalmente non facile.

 Eta Beta e il ricatto pesante risulta una storia gustosamente bizzarra. Come la stessa Ziche afferma nell’intervista, il personaggio creato da Bill Walsh e Floyd Gottfredson nel 1947 non è affatto facile da gestire. Il pensiero laterale dell’uomo del futuro destabilizza le vicende, specie se si incontra con il ricatto di un poeta fallito che vuole vendicarsi della città ingrata che non lo capisce. Ziche riesce a farci empatizzare con il villain, il cui rancore immotivato l’ha portato ad alienarsi dall’intera comunità. Non possiamo non pensare a certi fenomeni amplificati dai social, in cui alcuni pensano di essere grandi artisti incompresi dal mondo.

 A brillare nel volume è, a nostro parere, Topolino e la saga burocratica. L’autrice ammette di non essere una grande appassionata di fantasy e, ovviamente, neanche di burocrazia. La commistione dei due generi, sicuramente antitetici, è la miccia ideale per proporre un racconto dell’assurdo. Topolino viene letteralmente travolto da una valanga di documenti, protocolli, timbri e pandette assortite, generatrici di un caos capace di travolgere anche il classico eroe delle fiabe. Il fatto che sia Gambadilegno a farsi gioco di lui e del sistema risulta, ancora una volta, terribilmente vicino a quello che accade nella realtà. Spesso, l’incontrollato e indiscriminato proliferare di leggi e commi risulta un terreno fertile per il malaffare, minando la trasparenza e la buona fede dei cittadini onesti, inevitabilmente persi in un dedalo di articoli.

 
La minaccia arriva dagli abiti.

 Infine, con Minni e il guaio coi fiocchi, Ziche affronta alcuni stilemi fantascientifici per piegarli alle sue necessità comiche e a quelle di abbigliamento datato dei personaggi. Il fiocco di Minni risulta ormai decisamente fuori moda, e non aiuta a gestire meglio il personaggio. Mettendo insieme i due problemi, l’autrice veneta propone una storia ricca di gag e di momenti divertenti, in cui Minni risulta davvero un personaggio a tutto tondo, simpatica e spigliata, ben servita da una efficace Clarabella. La satira tecnologica risulta ancora attuale, e allo stesso modo risulta molto realistico gli scambi tra Topolino e Minni.

 Il volume si merita quattro stelle, anche grazie all’accurata e puntuale pubblicazione della storia a cornice proposta in un recente classico. Si tratta di una cura non banale e non sempre presente, e siamo molto contenti di sottolinearla.

 Avremmo anche dato cinque stelle per premiare tutta la collana, che si è sempre distinta per passione e accuratezza. Purtroppo, la fastidiosa assenza di Topokolossal che, nell’annuncio dell’iniziativa al Comicon 2022, avrebbe dovuto aprire la serie, non ci permette di assegnare il massimo. In ogni caso, si tratta di un’ottima collana, ottimo compendio dell’eccezionale Silvia Ziche.

 A luglio la testata prosegue, secondo Anteprima 393, con le storie di Enrico Faccini, a partire dall’inizio della sua carriera. Siamo molto curiosi di vedere gli sviluppi.

 Editore: Panini Comics – Autori: Silvia Ziche – Uscita: marzo 2024 – Pagine: 224 – Formato: Cartonato 18×24 – Prezzo: € 16,00 – ISBN 9 772285 615006



Voto del recensore: 4/5
Per accedere alla pagina originale della recensione e mettere il tuo voto:
https://www.papersera.net/wp/2024/05/20/humour-collection-6-topolinia-e-dintorni/

10
Copertina trovata: https://inducks.org/issue.php?c=de%2FLTBAT++1

Peccato non sia ancora indicizzata su inducks, per cui, per l'indicizzazione del Super Disney 108, va trovata una soluzione alternativa...

Grazie a tutti :)

11
Ciao a tutti,
non trovo su inducks la cover usata per questo albo appena uscito: https://www.panini.it/shp_ita_it/paperino-in-team-viaggi-e-avventure-1wsudi108-it08.html

Qualcuno sa dove sia stata pubblicata in passato? a me sembra di Freccero, e probabilmente usata per una testata straniera, ma non riesco a trovarla...

Grazie mille dell'aiuto :)

12
In realtà Fantagraphics iniziò a inserire le storie extra solo dal terzo volume, quindi non si può dire che Rizzoli (che pubblicò i primi due) le avesse saltate.

Nel primo fantagraphics non ci sono storie extra, ma nel secondo pubblicarono questa: https://inducks.org/story.php?c=KJZ+136
Non ho idea se venne ristampata anche da Rizzoli... A memoria, mi ricordo che rizzoli propose del materiale di Giove Toppi...

13
Il Mercatino / Re:VALUTAZIONI VARIE
« il: Lunedì 6 Mag 2024, 14:07:12 »
A : Buongiorno a tutti, dalla cantina del mio vicino sono emersi vari numeri della testata Zio Paperone (costina bianca) in buone condizioni, nello specifico i numeri
125 - 129 - 131 - 134
dal 137 al 143
145 -146 - 149- 150 - 152 - 154
dal 156 al 166
168 - 169 - 170 - 173
Ipotetico valore?

B : Mi interesserebbe anche il valore dei nuovi almanacchi di Topolino, numeri da 1 a 6 mai aperti, i numeri 2 3 4 ancora blisterati coi paperdollari allegati

C : Inoltre ho comprato lo scrigno di zio paperone solo per il volume di Kari Korhonen, quindi della litografia , della moneta, e dello scrigno non so che farmene (magari lo scrigno lo potrei usare per qualche mio vecchio topolino libretto, ma si vedrà). A quanto potrei venderle queste tre cose? Sempre se hanno un mercato.

Grazie a tutti anticipatamente

Posso rispondere per la parte A. Gli Zio Paperone purtroppo non valgono molto, tra i 2 e i 4euro. Il difficile e trovare quello che cerca quei numeri dato che, venderli sfusi, non risulta semplice.

14
Testate Straniere / Re:Uncle Scrooge and the Infinity Dime
« il: Sabato 4 Mag 2024, 09:01:27 »
Grazie mille, ma io nel tuo post non vedo nessuna immagine :)

Dal sito di diynamite non ne vedo molte: https://www.dynamite.com/disney/viewProduct.html?CAT=DF-Disney_Darkwing_Duck#
Strano... Immagino ci sia stato qualche problema con i link che avevo messo, ma a me apparivano normalmente e quindi non capivo la tua risposta. Ora le ho ricaricate su un altro server e dovrebbero vedersi senza problemi :)

Grazie mille, ora vedo tutto, e sono effettivamente tantissime. Molte sono comunque versioni in bianco e nero oppure senza testata oppure con diversi effetti di colore, ma di disegni alternativi sono circa una ventina.
Mi spiace aver usato fonti datate ma, su internet, si trova ben poco a riguardo....

15
Testate Straniere / Re:Uncle Scrooge and the Infinity Dime
« il: Venerdì 3 Mag 2024, 21:45:55 »
Le variant per il primo Darkwing duck erano quattro (piu immagino qualche versione in bianco e nero o altro): https://www.cbr.com/disney-darkwing-duck-bold-variant-covers-series/
Peccato che l'articolo che citi come fonte sia antecedente di un mese alla pubblicazione del numero e non sia pubblicato dalla casa editrice, mentre le fotografie che ho postato provengono direttamente dal numero in questione. Inoltre, se sei in grado di guardare le immagini e contare non ti serve immaginare, nel mio post a cui hai prontamente risposto trovi tutte le informazioni necessarie e vedrai che sono ben più di quattro.

Grazie mille, ma io nel tuo post non vedo nessuna immagine :)

Dal sito di diynamite non ne vedo molte: https://www.dynamite.com/disney/viewProduct.html?CAT=DF-Disney_Darkwing_Duck#

Pagine: [1]  2  3  ...  273 

Dati personali, cookies e GDPR

Questo sito per poter funzionare correttamente utilizza dati classificati come "personali" insieme ai cosiddetti cookie tecnici.
In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni.
Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai trovare il dettaglio di quanto riassunto in queste righe.

Per continuare con la navigazione sul sito è necessario accettare cliccando qui, altrimenti... amici come prima! :-)