Benvenuto!
Per goderti al meglio il Papersera, effettua il login o crea una tua utenza.
Profilo Utente
 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

Questi i recensori più attivi sulle pagine del Papersera:
  • V (268)
  • piccolobush (157)
  • Nebulina (100)
  • Malachia (97)
  • scrooge4 (91)
  • Paolo (85)
  • Paperinika (52)
  • A.Basettoni (43)
  • warren (43)
  • Gancio (43)
  • inthenight (41)
  • New_AMZ (37)
  • Gladstone (31)
  • Everett_Ducklair (29)
  • Samuele (26)
  • pacuvio (19)
  • cianfa88 (18)
  • MiTo (18)
  • Bruno (16)
  • Chen Dai-Lem (16)

 

Disclaimer & Copyright

Questo sito non ha alcun rapporto con la Walt Disney Company e né ha scopo di lucro alcuno, si tratta semplicemente di un sito amatoriale, che può considerarsi un'opera di saggistica rivolta all'analisi e alla promozione dei fumetti Disney e dei loro autori, e si avvale del diritto di citazione.

 

Le copertine DisneyDallo storico Topolino, ai più oscuri supplementi: nella galleria delle copertine è possibile ammirare letteralmente migliaia di copertine, provenienti da quasi tutte le pubblicazioni Disney! E la collezione continua a crescere grazie alla collaborazione di molti appassionati.

 

 

Pagina visitata 487795 volte

 


Ricerca recensioni

Ricerca recensioni
Testata: Titolo: Numero:
Recensore: Voto: Anno:

Di seguito i fascicoli estratti con i criteri immessi, per tornare alla pagina dell'edicola clicca qui.



Un maggio 2018 tra color che son sospesi, in Italia. Tra un governo che fatica a nascere e una primavera che stenta a decollare, sembra proprio che anche al ventottesimo albo del nuovo corso paniniano dei Grandi Classici manchi lo sprint necessario per poter lasciare il segno e rimanere impresso nella memoria dei lettori. Un trend che, va detto, sembra affliggere la testata da tempo: le grandi firme sono sempre presenti, ma le storie sono poco incisive pur nella loro guadagnata (o presunta) "classicità". A sottolineare nuovamente questa situazione, le stesse avventure riproposte nella prestigiosa sezione Superstar, questo mese dedicata a navi, rimorchiatori e imbarcazioni varie, non escono insomma da una rotta certamente sicura, ma abbastanza noiosa. Da segnalare comunque il ritorno nelle edicole del Piccolo rimorchiatore, storiellina disegnata dall’ottimo Harvey Eisenberg seguendo pedissequamente le scene dell’omonimo segmento de Lo scrigno delle sette perle riproposta in tempi recenti solo in Topolino Story e nelle ristampe anastatiche del Topolino libretto in cui debuttò nel nostro Paese. Un legame, quello con il mondo dell’animazione anni ’40, che si ritrova anche in Pluto salva la nave, storia più iconica che altro e di indubbio valore storico (è infatti una delle primissime produzioni a fumetti firmate da Carl Barks, in questo caso coautore dei soli testi insieme ai colleghi Jack Hannah e Nick George), che altro non è se non una sorta di storyboard con una narrazione dai ritmi serrati condita da gag ben costruite che, nonostante tutto, riescono ad avere un senso anche in un comic book e non sullo schermo; è il 1942, la Seconda guerra mondiale infiamma l’Europa, gli Stati Uniti hanno subito da poco l’attacco di Pearl Harbor e lo Studio Disney ha iniziato una collaborazione con Washington per la produzione di materiale di propaganda: il contesto è dunque ottimo, in tal senso, per rendere Pluto un vero e proprio American hero, capace di sventare un attentato a bordo di un efficientissimo incrociatore pronto al varo. Anche Paperino, mutatis mutandis, si ritrova a salvare un piroscafo dall'eventuale affondamento in una breve disegnata da Tony Strobl, tutt’altro che memorabile per quanto leggera e "a lieto fine". Un discorso analogo vale anche per Topolino e la nave falsaria, degli inossidabili Carl Fallberg e Paul Murry, storia che potremmo definire "fotocopia" per tutte le situazioni che condivide in maniera pressoché identica con molte altre avventure topolinesche prodotte per i comic book tra gli anni ’50 e ’60.
E poi, e poi… il resto dell’albo non ha molto altro da offrire, a partire dai Noduli polimetallici di Pezzin&Cavazzano, storia non all’altezza del resto della produzione dei due grandi artisti veneti, che si ricorda maggiormente per la coppia di proprietari della cava sulle coste di Biribundia, capace di ritagliarsi uno spazio abbastanza divertente all’interno dell’eterna disfida affaristica tra Paperone e Rockerduck; con un salto temporale di due lustri si arriva poi alla metà degli anni ’90 e si ritrova nuovamente Pezzin, stavolta in coppia con un dinamicissimo Romano Scarpa: anche in questo caso sembra che dall’animazione sia venuta la giusta ispirazione per il crescendo rossiniano dell’Abilità esplosiva, ulteriore capitolo di una tradizionale serie di storie in cui un vulcanico e iperattivo Paperino riesce a dare il meglio di sé in un’attività lavorativa raggiungendo picchi inenarrabili di precisione e professionalità, salvo poi mandare tutto al macero al primo incidente di percorso.
Messa da parte, infine, la consueta "tassa" delle due brevi straniere (stavolta abbastanza piacevoli entrambi, va detto, con Pippo assoluto mattatore), l’ultima sezione dell’albo è riservata interamente a storie di produzione italiana. Pier Carpi e Luciano Gatto fanno ricorso a un flashback per ambientare nell'Inghilterra georgiana le origini archimediche del rugby, in una cornice di accesa rivalità tra due college della cittadina che ha dato il nome a tanto nobile attività sportiva; un racconto ormai "eziologico" in Disney dato che, con pretesti e modalità differenti, ha costituito l'ossatura del terzo episodio della lunga storia in costume Paperleon dai scorcia e di una recente storia con Ciccio protagonista. Infine, dopo aver assistito alle disgrazie capitate a Paperino a causa di due terribili cani Corgi e della loro anziana ed energica padrona (no, non Elisabetta II...), si ritorna nel villaggio di frontiera creato da Guido Martina e Guido Scala. Come da alcuni mesi a questa parte, per quanto non più in ordine cronologico, i Grandi Classici proseguono la meritoria ristampa degli episodi della serie C’era una volta il West… con Il baratto indiano, una commedia degli equivoci tipicamente martiniana, in cui spicca una non parsimoniosa iconografia della morte in salsa pellerossa e del tutto politically incorrect al giorno d'oggi: asce "insanguinate", pali della tortura e minacce di spennamento ai danni dei ben poco maturi paperi adulti, veri o presunti pericoli che si rincorrono argutamente per più tavole lasciando un sorriso beffardo sulla bocca del lettore ormai disabituato a un lessico e a temi del genere su Topolino.

Recensione di Gladstone


Accedi ai dati Inducks del fascicolo    Accedi alla discussione sul forum    Voto del recensore: 2/5    Voto medio: 2/5 (13 voti)   Esegui il login per inserire il tuo voto

 


La scala di votazione utilizzata è la seguente:

  •  Spendete meglio i vostri soldi...
  •  Bof.... giusto se già collezionate la testata...
  •  Nella media: non passerà alla storia, ma...
  •  Buono! Acquistatelo e non vi pentirete!
  •  Da acquistare, senza esitazioni!

Da tener presente che i voti non sono da intendersi in maniera "assoluta", ma vengono dati coerentemente con quello che ci si aspetta di trovare in una testata: ad esempio Paperino e Tesori Disney sono testate molto diverse tra di loro: la prima contiene esclusivamente ristampe di storie già apparse sulla testata, la seconda presenta storie di difficile reperibilità o addirittura qualche inedito (oltre, ovviamente, a tutta una serie di articoli). Il voto dato a due numeri di queste testate deve prendere in considerazione quello che ci si aspetta di trovare all'interno del fascicolo: un Paperino con ristampe di Bottaro, Scarpa, Carpi, Cavazzano e cosi' via, sarà giustamente ben valutato, e se anche dovesse prendere 5 stelle, non significa che in assoluto è migliore di un numero di Tesori che ne prende solamente 4!

 

Questo sito si serve dei cookie per la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico, condividendoli con Google. Se prosegui con la navigazione per me è come se avessi accettato. Se vuoi approfondire la questione, c'è il sito del Garante della privacy.  Accetta i cookies   |   Info sulla privacy