Topolino 3566

22 APR 2024
Voti del fascicolo: Recensore: Medio: (27 voti) Esegui il login per votare!

Topolino 3566

La bizzarra copertina del numero

Dubbio, menzogna, inganno… temi strani per un numero di Topolino di questi tempi, eppure la sensazione che guida praticamente ogni storia del fascicolo è riferibile a queste sensazioni, a una tipologia di rapporto tra i protagonisti che va oltre la banale commedia degli equivoci – elemento standard delle storie Disney sin dagli inizi – per lasciare nel lettore una leggera sensazione di destabilizzazione, di incertezza, di non aver compreso appieno obiettivi, motivazioni e scopi che muovono i personaggi. E non è detto che sia un male!

Si comincia con Topolino e i due volti della vendetta, di Francesco Artibani e Lorenzo Pastrovicchio, la prima storia a dar seguito alle vicende narrate nell’ultima serie di Ducktopia. Al di là dello svolgimento degli eventi narrati, la storia è incentrata sul dubbio dei ruoli interpretati dai personaggi, su ciò che è reale o meno nelle percezioni di Topolino: la vicenda non è chiara a causa di inganni e punti lasciati in ombra, diversi personaggi sottolineano il concetto che Topolino debba meditare e scegliere cosa sia giusto fare, da Topesio, da Minni, e soprattutto dal maestro dell’inganno per definizione: Miklos, il Topo Grigio. Se il primo è uno “pseudo-avversario” di Mickey, Minni è invece uno dei suoi riferimenti principali: vederli convergere su un atteggiamento dubitativo verso la realtà apparente determina in Topolino una situazione di conflitto, di necessità di approfondire se quello che appare sia reale, o meglio se sia “giusto”.

Topolino 3566 - Qualcosa non va...

Qualcosa non va…

Quando poi anche il suo doppio, il suo opposto, la sua nemesi lo indirizza nella stessa direzione, la strada per ulteriori analisi, imprevedibili svolgimenti della storia e – presumibilmente – nuove sorprese è spalancata: non vedo l’ora di leggere come si svolgeranno i fatti, come verranno riallacciati i fili delle questioni lasciate in sospeso (anche quelle apparentemente più irrilevanti: perché i negozianti hanno dichiarato di aver ricevuto le banconote false da Topesio, se il personaggio è davvero innocente?), come proseguirà l’avventura di Gambadilegno affarista di successo grazie al suo ruolo di imprenditore nella produzione del nuovo frutto, che se non fossimo in un fumetto Disney mi farebbe venire in mente quello di un produttore/spacciatore di droghe sintetiche?

Ma non solo, la storia contiene anche momenti di inquietudine: durante la cattura di Miklos nel cantiere l’ombra che spunta alle spalle di Pippo non ci dà modo di capire immediatamente se si tratta di Topolino o del malfattore (realizzando così l’ennesimo inganno/spiazzamento del lettore), e tutto lo sviluppo della scena dell’inseguimento è carico di tensione.

Topolino 3566 - Sontuoso omaggio.

Clamoroso omaggio a una delle storie più note di Spider-Man.

A bilanciare l’imprevedibilità dei ruoli e l’inaffidabilità della realtà, però, resiste il più saldo dei punti di riferimento di Topolino: il suo amico-fratello Pippo, che riesce in due vignette a definire il suo rapporto con l’amico restando a fargli compagnia nel momento di maggior difficoltà con una sequenza che cita meravigliosamente la famosa scena di Spider-Man #122 con MJ che rimane accanto a Peter Parker; omaggio volontario o coincidenza? Idea dello sceneggiatore o iniziativa del disegnatore? Ad oggi non è dato saperlo, però… bella mossa!

Insomma, la storia di Artibani intrattiene, convince, cattura il lettore e riesce a far venire voglia di vedere “come andrà a finire”, uno spunto per la prosecuzione nella lettura dei prossimi numeri di Topolino.

Non tutti gli inganni, però, sono carichi di tensione come nella storia di apertura. In Paperino e il pesce d’aprile col vicino (Bruno Sarda/Marco Palazzi) il tema dell’inganno giocoso, tipico di questa beffa, è il protagonista della storia, teatro dell’ennesimo scontro tra Paperino e Anacleto Mitraglia, dove si prova a coinvolgere anche il lettore nel gioco di conferme e smentite che riescono a trarre in inganno i due protagonisti. Inusitata e gradita la scelta di alternare vignette più ampie a quelle più sottili per dare maggiore dinamicità alla storia e introdurre qualcosa di nuovo in un filone altrimenti già visto sin troppe volte.

Topolino 3566 - Paperoga ai minimi termini.

Paperoga ai minimi termini.

Ricerca del nuovo anche in Paperoga e una sorpresa per la testa, dove l’esperto sceneggiatore Carlo Panaro si diverte a realizzare una storia di dieci tavole completamente muta disegnata da Giovanni Preziosi con uno stile molto insolito e che si discosta dalle sue prime prove per far balenare in alcune vignette il ricordo del disperato Paperugo dei fratelli Rincione; l’ho trovato molto interessante.

Chiude il numero un’altra storia dove l’inganno e il mascheramento delle proprie reali intenzioni sono al centro della trama: Archimede e l’amico improbabile (Francesco Vacca/Danilo Barozzi) propone la non frequente accoppiata tra Archimede e Intellettuale-176, con quest’ultimo alle prese con il dilemma se restare fedele alla missione di sabotaggio affidatagli dalla sua famiglia, o se invece seguire il suo istinto di inventore e scienziato nel collaborare con Archimede. La storia è piuttosto semplice e dagli esiti prevedibili, però la “crisi di coscienza” del Bassotto è un tema interessante, che va ad inserirsi nel recente percorso di trasformazione dei personaggi da maschere spontanee e dalle personalità estreme a personaggi con più “pretese di realismo” che si avvicinano (pericolosamente?) a quelli dell’universo supereroistico Marvel (supereroi con super problemi).

Sarà una buona scelta? Vedremo: la direzione sembra ormai ben tracciata, i risultati saranno il giudice.



Autenticati per poter votare le storie del Topolino!

Autore dell'articolo: Paolo Castagno

Sono appassionato lettore e collezionista di fumetti Disney sin da quando ho imparato a... guardare le figure. Il Papersera - sia il sito sia l'associazione - sono per me motivo d'orgoglio!